Un primo bilancio

Al termine della prima edizione del F**k The Covid Trail, svoltasi oggi, domenica 4 ottobre 2020, a Chatillon, tiriamo un po’ le somme di questa avventura durata poco più di un mese.

“Siamo partiti con un’unica idea chiara in testa: volevamo creare una manifestazione che ridesse ai trailer la possibilità di incontrarsi e correre con un pettorale. – esordisce Paolo Personnettaz, titolare di Ski Sport House (main sponsor dell’evento) e ideatore della gara – Abbiamo cercato di appianare tutte le difficoltà, burocratiche ed organizzative, e di realizzare un momento di festa.”

Ed in effetti con 71 iscritti e 68 partenti, nonostante le condizioni meteo dei giorni immediatamente precedenti, la gara alla sua edizione zero è stata un piccolo successo.

“Potenzialmente avremmo potuto avere più adesioni, – continua Personnettaz – ma sono contento anche così. Abbiamo messo sotto test la macchina organizzativa ed abbiamo rodato percorso e zona partenza/arrivo. Adesso ci sono tutti i presupposti per fare un’edizione uno con tutti i crismi.”

Le condizioni meteo, in effetti, hanno creato non pochi dubbi nei giorni precedenti lo start.

“In realtà, considerata la data, avevamo previsto due possibili percorsi – ci racconta Beppe Maietti, responsabile della tracciatura – ma l’allarme meteo e idrologico annunciato dalla Regione, ci ha convinto a creare una terza variante che evitasse non solo le quote alte (visto il rischio neve) ma anche che permettesse ai concorrenti di restare sul percorso per un tempo inferiore.”

E così è stato. Partenza ore 8:00 ed arrivo dell’ultimo concorrente appena passate le 12:30. In questo modo tutti hanno potuto godere della giornata autunnale nella comoda cornice del Laghetto Movida di Chatillon, dove i concorrenti hanno potuto consumare il pacco-ristoro e la birra no limits rispettando il distanziamento sociale.

“Ho deciso di indossare anch’io il pettorale e di provare in prima persona tutti i dettagli della manifestazione – svela Daniele Boero, direttore di gara – Solo da dentro riesci a verificare che tutto vada per il verso giusto. D’altronde sapevo di poter contare su uno staff di volontari ben affiatato e con esperienza. Questo è il vero segreto!”

Questa edizione zero di F**k The Covid Trail va dunque in archivio come un ottimo prodromo alle prossime edizioni che, si mormora, saranno foriere di interessanti novità.

Per concludere, ecco i podi:

PRIME TRE DONNE

1. Marcella Pont (2h35’56”)
2. Lisa Borzani (2h40’30”)
3. Enrica Gouthier (3h00’51”)

PRIMI TRE UOMINI

1. Denis Brunod (1h57’07”)
2. Alex Déjanaz (2h02’26”)
3. Gianluca Caimi (2h12’13”)